Main
- Home
- Cronologia

- Ricostruzione
- Ritrovamenti
- Fonti storiche
- La conservazione

- Attività ditattiche

- L'antica città

- Come raggiungerci

 





 

 

Other sites

- Beni culturali

- Archeopark
- Archemail
- Pagus
- Contea di modica
- Centro studi adriatico

- Galcsajt

- Antiquitates

- Archeosanmartino

- Instoria

- Vadena

- Arte e muse - Taranto

- Pianvalle

- Valpolicella

- Artenorcia

 
 

 L'ANTICA CITTA'

Dati degli storici antichi

La difficoltà ad identificare il centro noto in base agli autori latini con il nome di Fidenae (più raramente Fidena) si deve forse, prima di tutto, alle divergenti notizie delle fonti antiche sulla sua distanza da Roma: secondo Eutropio circa 6 miglia, secondo Dionisio 40 stadi.

Ipotesi tra 1600 e 1800

Tra Cinquecento e Seicento secondo  l’opinione prevalente degli eruditi Fidenae era da localizzare nell’altura di Castel Giubileo dove erano ben visibili ruderi del castello medioevale. Nonostante il ritrovamento sulla collina di Villa Spada, nella seconda metà del ‘700, di una lapide dedicata a Gallieno da parte del Senatum Fidenatium, la cartografia del primo Ottocento continuava a collocare Fidenae a Castel Giubileo.

 

Una nuova tendenza a localizzare la città sull’altura di Villa Spada si fece strada nel corso dell’Ottocento, ma non prese il sopravvento rispetto alla prima.

Un fondamentale contributo per la soluzione della controversia era contenuto nella carta elaborata tra il 1850 e il 1870 da Pietro Rosa, che indicava la presenza di resti archeologici sul pianoro di Fidene, purtroppo al tempo rimasta inedita.

Ipotesi moderne

Negli anni Venti del Novecento venne di nuovo riproposta da G. Lugli, ed accettata da numerosi studiosi di topografia, la localizzazione a Castel Giubileo.

Quest’ultima opinione condizionò le scelte operate nel campo della tutela che interessarono esclusivamente l’altura di Castel Giubileo. Ai primi anni Settanta risale il definitivo riconoscimento dell’ubicazione di Fidenae in corrispondenza dell’altura di Villa Spada e del pianoro adiacente, ormai interessato dall’espansione edilizia.

(rif. sito Ministero Beni Culturali)